Cortana consuma troppa CPU
All, Windows10

Cortana consuma troppa CPU.

Cortana consuma troppa CPU ? Microsoft rivela che il problema è l’ultimo aggiornamento del sistema operativo Windows 10

Ci risiamo, questa volta Cortana consuma troppa CPU. Microsoft dopo aver lanciato il suo ultimo sistema operativo ha cominciato a mettere in atto un piano costante di aggiornamenti mirati al miglioramento di falle e funzionalità di Windows 10. L’azienda informatica statunitense nel corso dei suoi aggiornamenti è stata capace di rilasciare versioni contenenti grandissimi malfunzionamenti al quale, bisogna ammetterlo, sono state prontamente trovate da parte degli sviluppatori adeguate soluzioni.

L’ultima novità dell’aggiornamento di Maggio 2019 è la saturazione della CPU da parte di Cortana. L’update KB4512941 rilasciato per la versione 1903 di Windows 10 porterebbe i client, dopo la sua installazione, al completo utilizzo della Control Process Unit rendendo cosi il dispositivo lento e soggetto a surriscaldamenti inaspettati.

Non tutti i computer che hanno ricevuto l’aggiornamento sono stati oggetto di picchi di consumo da parte del processore. Per controllare basta recarsi nel taskmanager di Windows ricercando la voce SearchUI.exe. In alcuni casi è stato anche riscontrato un altro sintomo, il malfunzionamento dei risultati di ricerca. Puoi provare scrivendo nel campo ricerca la parola desiderata non verrà caricato nessun risultato.

Cortana consuma troppa CPU

Per far tornare i valori alla normalità e di conseguenza spremere il meno possibile la nostra CPU, possiamo abilitare il Bing Search. Può essere abilitato tramite il registro di sistema. Tramite la combinazione di tasti Win+R si avrà accesso al regedit, bisognerà navigare nel percorso “HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Search” . Una volta individuato la destinazione cercare la chiave Dword BingSearchEnabled ed impostare il suo valore a 1.

Purtroppo, ad oggi, Microsoft non ha rilasciato notizie ufficiali su un possibile fix del problema.

Se anche tu in questo momento sei affetto da questo problema ma non riesci a risolvere con questa piccola guida, ti ricordo che puoi contattarmi per una consulenza. 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *