sintassi php
All, Corso PHP, PHP, Sviluppo

Sintassi PHP -Impara a programmare in PHP – Capitolo 1

Capitolo 1 – Viaggio all’interno della sintassi php

Con questo primo articolo apriamo una serie di capitoli dedicati alla programmazione in php con i quali sarete in grado di realizzare in totale autonomia un sito web magari integrando i grafici Google Chats come abbiamo visto qui. In questo capitolo vedremo la sintassi PHP scoprendo quelle che sono le caratteristiche del linguaggio.

Tutti sappiamo che per realizzare un sito web abbiamo bisogno di scrivere una pagina HTML, che vedremo più in là, ma sappiamo anche che le pagine HTML rimangono statiche nel loro funzionamento e un sito statico al giorno d’oggi non fornisce tutte quelle funzioni utili per lo sviluppo del nostro progetto. Per questo è importante fare nostra la sintassi PHP e saper riconoscere il nostro codice in tutte quelle righe scritte nel foglio di testo.

PHP e l’integrazione con HTML

Come abbiamo già detto la sintassi PHP è completamente integrabile con il codice HTML dando cosi la possibilità di ricevere input dagli utenti o di leggere contenuti da un database, tutto questo rende il Web Dinamico. Quando il nostro server riceve una richiesta di una pagina PHP, l’interprete la analizza e restituisce il file contenente tutto il codice HTML, CSS, le immagini o i pdf al suo interno. Ma come fa l’interprete a riconoscere che la pagina contiene una sintassi PHP?

<?php //Tag apertura
---------
?> //Tag chiusura

Il tag apertura e il tag chiusura rappresentano il nostro codice php, tutte le istruzioni andranno messe al suo interno e non verranno inviate direttamente al browser ma interpretate e restituite solo nel caso in cui noi decidessimo di stamparle a video tramite il comando echo. Vediamo un piccola simulazione di una pagina Web che stampa a video la famosa frase “Hello World”

<html>
<head>
</head>
<body>
<?php
echo "Hello World";
?>
</body>
</html>

E’ importante ricordare che il codice HTML che vogliamo stampare a video all’interno di una sintassi PHP è esclusivamente visibile dentro il comando echo ""; Inizialmente, per comodità, ricordate che il simbolo ; va sempre messo in ogni istruzione PHP ci saranno delle eccezioni che vedremo più in là ma è di fondamentale importanza ricordarsi il punto e virgola. Spesso capita di dover rileggere righe e righe di codice per trovare un errore generato solamente da una dimenticanza.

Abbiamo dunque visto che tutto quello scritto all’interno del tag php sarà stampato a video solo grazie al comando echo. Ricordiamoci però che il codice sarà compilato ed eseguito ma non inviato al browser a differenza del contenuto del comando echo che verrà stampato come pagina HTML.

Compariamo due esempi per rendere il concetto:

<?php
echo "<h1>";
?> 
Hello World </h1>

è uguale a:

<h1> Hello World </h1>

I Commenti

Anche se può sembrare ad un primo approccio un argomento banale, un elemento di fondamentale importanza per la scrittura del nostro codice sono i commenti. I commenti aiutano il programmatore ad indentificare le istruzioni presenti, sono utili sia a noi se andiamo a prendere progetti che non vediamo da tempo sia a colleghi che mettono le mani per la prima volta. E’ quindi importante prenderne confidenza e utilizzarli saggiamente in quanto non appesantiranno il vostro sito dato che l’interprete php ignora le parti commentate e non le passa al browser.

I caratteri // definiscono il commento su una linea, ciò vuol dire che tutto quello scritto sulla stessa riga verrà ignorato dall’interprete PHP. Questo ci dà la possibilità di commentare anche direttamente su una riga di codice utile. Come per l’apertura tag del codice PHP anche il commento su più linee è contenuto nei tag /* e */ ciò vuol dire che tutto quello scritto al suo interno non verrà interpretato.

Commento su una riga:

<?php
//Commento
?>

Commento su più righe:

<?php
/* Questo 
è 
un
Commento su più righe
*/
?>

Abbiamo concluso questa prima parte dell’introduzione al PHP che proseguirà nei prossimi articoli.

Per dubbi e curiosità lasciate un commento altrimenti alla prossima lezione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *